placeholder
header

home | Archive | analysis | videos | data | weblog

placeholder
news in other languages:
placeholder
Editorials in English
fr
Editorials in Spanish
esp
Editorials in Italian
ita
Editorials in German
de

placeholder

NON FIORI SIGNORA MAC COY, SOLO OPERE DI BENE.

Di Martia Luz FdC

24.02.05 | Da ieri moltissimi venezuelani si chiedono " Cosa verrá a fare la Signora Jennifer Mac Coy ? " la quale ricordiamo diresse la commissione del Centro Carter che supervisó il famoso referendum revocatorio avvenuto il 15 di Agosto 2004 per deporre il presidente Hugo Chavez Frias.

Tutti ricordiamo la famosa notte del 15, le ore di attesa, le speranze poi spente alle tre della mattina quando in un annunzio per molti funesto il Dott. Carrasquero, responsabile della Commissione Nazionale Elettorale dava i primi risultati. Chavez era riconfermato alla presidenza della republica.

Dopo mesi di lotta per giungere al fatidico referendum, dopo aver superato barriere di tutti i tipi, ostacoli posti dal regime per evitare la chiamata alle urne una gran parte del popolo venezuelano quel giorno fece code di 10, 12 ore per poter votare nelle terribili condizioni imposte dal regime rivoluzionario per poi in minuti vedersi sfuggire la vittoria come sabbia fra le dita.

Tutto il processo anteriore al referendum, procedimento frutto di due anni di conversazioni fra la opposizione e il regime fu accompagnato dalla presenza della OEA e in particolare del Centro Carter nel quale molti, moltissimi avevano riposto la loro fiducia. Quella mattina alle prime luci dell'alba e soprattutto il giorno dopo quando iniziarono le prime dichiarazioni della Signora Mac Coy la fiducia crolló nel baratro della miseria e dell'inganno.

Oggi, dopo molti mesi ritorna sulla scena quella stessa Signora Mac Coy che partecipó imperterrita alle esequie della democrazia in Venezuela, colei che dal centro del potere elettorale sin da allora fagocitato dalle mandibole rivoluzionarie dichiaró la fine della libertá e l'inizio della espansione dei principi castristi giá che tutte le barriere erano state polverizzate.

Ci chiediamo di nuovo " Perché ritorna in Venezuela la Signora Mac Coy, perché di nuovo il centro Carter ? " Verranno forse a fare lautopsia al cadavere della democrazia e di coloro che lottarono per mantenerla? O forse vorranno corroborare che nessuno dei giá pochi lider democratici i quali sono ancora politicamente attivi possano generare futuri inconvenienti.

L'ex presidente Jimmy Carter acompagnato dal suo perenne dolce sorriso vorrá forse sapere se esistono ancora le macchie di sangue nei vialoni di Caracas dove sfilarono pacificamente inneggiando alla libertá milioni di cittadini. O forse vorrá cancellare il sangue dalla Piazza Altamira dove si immolarono colore che credettero nella democrazia e nella protezione del gran padre Carter ? Vorrá forse sapere se esistono tuttora nelle terribili carceri venezuelane prigionieri politici o forse appaiono ancora le tracce delle torture alle quali furono sottoposti coloro che non rinunciarono al sogno di una terra libera e giusta?

Se questi sono i motivi non si preoccupino la Signora Mac Coy e meno il Signor Carter, non é il caso di riesumare un cadavere che causa tuttora molto dolore. Strazio alle vedove agli orfani, ai padri i figli dei quali sono stati uccisi. Lasciate Vi prego risposare in pace il corpo che solo pochi mesi fá avete aiutato a massacrare. Quí é morta oramai la libertá, l'intelletto, la speranza di vivere un mondo migliore e solo, al lato della sepoltura, una piccola luce,una fiammella é ancora accesa quella della speranza che non morirá mai.

Grazie per la visita della Signora Mac Coy, speriamo che il suo soggiorno sia fugace come lo fu la speranza del 15 di Agosto: Solo poche ore.



send this article to a friend >>
placeholder
Loading


Keep Vcrisis Online






top | printer friendly version | contact the webmaster J.B. | disclaimer
placeholder
placeholder